Interventi

ANDREA AFRIBO (5 marzo)afribo

Andrea Afribo (Verona 1965) ha studiato a Padova con Pier Vincenzo Mengaldo. Attualmente è professore associato di Linguistica italiana (L-FIL-LET/12) presso il Dipartimento di Studi linguistici e letterari (DISLL). Insegna Storia della lingua italiana e Stilistica e metrica italiana. I suoi interessi scientifici principali riguardano le forme della poesia italiana (linguaggio, metrica, stile, retorica) e si sono indirizzati verso le Origini (Petrarca), il Rinascimento, e la poesia moderna e contemporanea. È socio della Associazione degli storici della lingua (ASLI); fondatore e redattore della rivista «Stilistica e metrica italiana» diretta da P.V. Mengaldo; membro del comitato di lettura della collana di “Critica letteraria” dell’editore il Mulino. Dal 2013 è Presidente del Corso di Studi di Lettere dell’università di Padova.

 

zublenaPAOLO ZUBLENA (13 marzo)

Formatosi tra Genova e Pavia, Paolo Zublena è ricercatore presso l’Università di Milano-Bicocca, dove insegna Linguistica italiana. Ha pubblicato – oltre al volume L’inquietante simmetria della lingua. Il linguaggio tecnico-scientifico nella narrativa italiana del Novecento (Alessandria, Edizioni dell’Orso, 2002) – saggi sulla lingua della prosa del Cinquecento (Bembo, Della Casa), su narrativa (Gadda, Calvino, Landolfi, Bianciardi, Volponi, Del Giudice, Biamonti), poesia (Montale, Caproni, Zanzotto, Sanguineti, De Signoribus, narratività, poesia in prosa, tematizzazione del quotidiano, l’influenza di Beckett) e canzone d’autore (Paolo Conte) del Novecento, sempre privilegiando l’analisi stilistica. Ha inoltre lavorato su temi letterari (in particolare sul lutto). Il suo principale interesse è comunque volto all’interpretazione dei testi letterari attraverso l’analisi della lingua. Segue anche lo scenario letterario contemporaneo: è stato tra i curatori di Parola plurale. Sessantaquattro poeti italiani fra due secoli, Roma, Sossella, 2005 e ha autonomamente curato un fascicolo monografico di «Nuova Corrente» sulle più giovani generazioni poetiche (Nuovi poeti italiani, LII, 135, gennaio-giugno 2005). Collabora con recensioni all’«Indice dei libri del mese».

 

andrea_cortellessaANDREA CORTELLESSA (27 marzo)

Andrea Cortellessa è nato a Roma nel 1968. Insegna Letteratura italiana contemporanea e Letterature comparate all’Università di Roma Tre. Fra i suoi libri: Le notti chiare erano tutte un’alba. Antologia di poeti italiani nella prima guerra mondiale (1998),Ungaretti (2000), La fisica del senso. Saggi e interventi su poeti italiani dal 1940 a oggi (2006), Libri segreti. Autori-critici nel Novecento italiano (2008), Scuole segrete. Il Novecento italiano e Tommaso Landolfi (2009) e, con Marco Belpoliti, Da una tregua all’altra. Auschwitz-Torino sessant’anni dopo(2010). Con Luca Archibugi, nel 2010 ha realizzato per RaiCinema il documentario Senza scrittori (2011). Per Electa ha collaborato al primo volume dell’enciclopedia diretta da Achille Bonito Oliva, Enciclopedia delle arti contemporanee. I portatori del tempo (2010), e nel 2012 ha scritto la postfazione alla nuova edizione de l’Ideologia del traditore dello stesso A.B.O. Il suo ultimo lavoro è un’antologia dei Narratori degli Anni Zero (2012). Per Adelphi, Bompiani e Garzanti ha curato testi di Giorgio Manganelli, Giorgio de Chirico, Elio Pagliarani e Giovanni Raboni. Per Le Lettere ha ideato la collana fuoriformato, appena conclusa col suo trentunesimo titolo. Collabora al «manifesto», a «La Stampa» e al suo supplemento «Tuttolibri» e ad altre testate. È nella redazione delle riviste «alfabeta2» e «il verri» e collabora ai programmi culturali di RAI-Radio Tre.

 

simonettiGIANLUIGI SIMONETTI (9 aprile)

Nato a Potenza il 21 maggio 1973, Gianluigi Simonetti ha compiuto i propri studi universitari a Pisa con i proff. Luigi Blasucci, Piero Cudini e Carla Benedetti come allievo della Scuola Normale Superiore(1991-1996), dove è poi stato perfezionando in Discipline filologiche moderne. Dal 2002 ricercatore presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università degli Studi dell’Aquila, in precedenza ha svolto attività di ricerca e insegnamento presso il Dipartimento di Italianistica dell’Università di Pisa e la American Academy di Roma. Ha trascorso periodi di studio (ricerca e insegnamento) in Francia, presso l’École Normale Supérieure di Parigi, in Svizzera, presso il Dipartimento di Letterature Romanzedell’Università di Ginevra, e in Finlandia, presso il Dipartimento di Lingue romanze della Facoltà di Lettere dell’Università di Helsinki. Ha insegnato presso il Dipartimento di Lingue e Letterature romanze della Univesity of Chicago (Illinois, USA), occupando la Cattedra Fulbright dedicata alla Letteratura italiana. E’ membro del Comitato di Redazione dellarivista di teoria e critica della letteratura “Contemporanea”. Si occupa soprattutto di poesia italiana del Novecento (con particolare interesse al periodo cruciale che va dagli anni Trenta agli anni Sessanta del secolo), e di romanzo contemporaneo.

 

donnarummaphotoRAFFAELE DONNARUMMA (17 aprile)

Raffaele Donnarumma (Torino, 1969) è professore associato di Letteratura italiana contemporanea presso l’Università di Pisa dal 2007. È membro del comitato direttivo della rivista “Allegoria” e dell’Editorial Board della rivista informatica “The Edinburgh Journal of Gadda Studies”. Ha studiato presso la Scuola Normale Superiore di Pisa e insegnato presso la stessa Scuola, l’Università di Siena, l’Università per Stranieri di Siena. Si occupa di didattica della letteratura nelle scuole superiori; è coautore di due manuali (La scrittura e l’intepretazione, 1999; I testi, le immagini e le culture, 2007) e di un commento alla Divina Commedia (2007), tutti pubblicati dall’editore Palumbo di Palermo. È co-direttore della collana Attraverso i saperi (Palumbo). I suoi principali campi di interesse attuale sono Gadda, Pirandello, Calvino, la narrativa modernista, il postmoderno, l’evoluzione della narrativa contemporanea, il tema del terrorismo nel romanzo italiano, la definizione della categoria di ipermoderno.

 

zinatoEMANUELE ZINATO (28 aprile)

Emanuele Zinato (Venezia, 1958) dal 2005 è in servizio presso il Dipartimento di Studi Linguistici e Letterari dell’Università di Padova dove insegna, nei corsi triennali, Teoria della Letteratura e Letteratura italiana contemporanea e, nei corsi di laurea magistrale, Letterature comparate. Fa parte della redazione della rivista «Allegoria» e del blog “Le parole e le cose”; collabora a numerose riviste tra cui «Studi novecenteschi», «Il verri», «l’Immaginazione», «Nuova corrente», «Humanitas», «Moderna», «Between», «Filologia e critica». Ha pubblicato saggi su questioni di critica e teoria della letteratura e su numerosi scrittori del secondo Novecento (Calvino, Vittorini, Fortini, Primo Levi, Bilenchi, Zanzotto, De Signoribus). In contatto con Paolo Volponi fin dal 1990, ha curato due raccolte di prose volponiane (Scritti dal margine, Manni, Lecce 1994; Del naturale e dell’artificialeIl lavoro editoriale, Ancona 1999) e la raccolta delle Poesie 1946-1994 (Einaudi, Torino 2001) e ha pubblicato la monografia Volponi (Palumbo, Palermo 2001).
Nel 2010 è stato Visiting Professor all’Università Charles De Gaulle di Lille e ha tenuto, tra il 2009 e il 2011, seminari e lezioni presso le Università di Varsavia, Lille, Grenoble, Uppsala e Stoccolma. Fa parte del Collegio Docenti della scuola di dottorato in Scienze filologiche e letterarie dell’Università di Padova.

Download PDF

Rispondi